C’è chi aveva le idee chiare sul perché finanziare la fondazione Open. C’è chi invece ha versato cifre sostanziose senza porsi troppi interrogativi. Per il primo caso, leggere il verbale di Vincenzo Onorato. L’armatore del gruppo Moby, che ha girato ad Open 300.000 euro con quattro distinti bonifici tra il 27 novembre 2015 e il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

L’avvocato scriveva: “Dateci 500mila euro e cambiamo il Paese”

prev
Articolo Successivo

Il Pd: “Priorità d’indagine decise coi politici locali”

next