Un paio di giorni prima di morire, Jacques Anquetil chiama al telefono Raymond Poulidor, il grande avversario di mille corse, l’eterno secondo della mitologia ciclistica francese. È il suo addio malandrino. Anquetil ha vinto cinque Tour de France, Poulidor nessuno: è stato tre volte secondo e otto volte terzo. Non ha mai indossato la maglia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La Divina in forma smagliante incanta tutti (da ologramma)

prev
Articolo Successivo

Cannavacciuolo, il Peròn dei fornelli tv e il giappo-test

next