Scarcerato due volte nel giro di due mesi per fine pena. Negli anni Ottanta e Novanta, Domenico Paviglianiti, 58 anni, era considerato un “boss dei boss” della ’ndrangheta reggina. Pluriomicida, ergastolano, catturato in Spagna nel 1996 e due anni dopo estradato: è protagonista di un intricato rimpallo giuridico su quanto gli resta della pena da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’addio di Carminati al 41-bis. E Buzzi chiede: liberatemi

prev
Articolo Successivo

L’Onu si è screditata e ha finito i soldi

next