Dipendenti che strisciano il badge per i colleghi assenti, ma anche ragazzini che lo fanno per i loro familiari, addirittura davanti ai vigili urbani: sono alcune delle irregolarità registrate dalle telecamere nascoste dei carabinieri del comando provinciale di Catania che dal maggio a luglio del 2015 hanno monitorato il “segna orario” dei dipendenti del Comune […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Torino ’69: nel libro di Boffano, Tropea e Vallinotto l’epopea della lotta di classe nella città della Fiat

prev
Articolo Successivo

Il senso di Bologna per Sinisa – “Il suo coraggio ha contagiato il nostro strano popolo”

next