Doveva essere un arresto come tanti, roba da strada, uno scooter rubato, due persone accompagnate in Questura. Il verbale, le foto, il fermo in attesa della convalida durante la direttissima del giorno dopo. Insomma, un giro di giostra quotidiano per chi si occupa di sicurezza nelle grandi e piccole città. E invece tutto in pochi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

In quei mesi parte il fiume di soldi alle milizie

prev
Articolo Successivo

La scissione 5 Stelle: caccia grossa ai 20 deputati già in crisi

next