Già a guardarselo l’Olimpico di Vicenza di Andrea Palladio, il più antico dei teatri coperti in tutto il mondo, è un urto al sangue. A restarsene seduti lì, poi, per farsi attraversare nelle carni da Pino Micol è come far l’amore in tutte le maniere e i modi propri degli Dei. Micol sta dettando le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Odissea in Antartide, un astrofisico in missione tra i ghiacci per capire il calo demografico delle stelle

prev
Articolo Successivo

Lettera 22: bellezza e design by Olivetti, fabbrica italiana

next