È allo stesso tempo naturale e paradossale incontrare un libro come Piccoli tasti, grandi firme, l’epoca d’oro del giornalismo italiano (1950-1990) a cura di Luigi Mascheroni, La Nave di Teseo Editore. È naturale, perchè qualcuno, dotato di memoria e cultura doveva prima o poi ricordarsi di una piccola e splendida macchina per scrivere italiana che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Memorie di Adriano”: rinasce a teatro il capolavoro di Marguerite Yourcenar

prev
Articolo Successivo

Quelli che disprezzano Woody Allen

next