I vati della democrazia diretta lo stanno teorizzando: votare non serve, basta esprimere con un clic l’orientamento dell’opinione pubblica e i governanti diventano esecutori della volontà dei cittadini, che fluttua allo stormire dei tweet. Addio visioni, benvenute pulsioni. E chi vota pare fare di tutto per dar loro ragione: sempre più spesso le elezioni non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Il premier potrebbe comprare i deputati come fece il vostro B.”

prev
Articolo Successivo

La retata della pay-tv ‘pezzotta’. Multe per i 700 mila abbonati

next