Quando è iniziato il blitz delle forze dell’ordine in tutta Europa e sono stati spenti i server che alimentavano le diffuse tv piratate, 700 mila utenti si stavano godendo grazie ai cosiddetti decoder “pezzotti” (contraffatti in napoletano) spettacoli di tv a pagamento che però non avevano pagato. “E non c’era nessuna partita di calcio in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Spagna, Regno Unito, Belgio e Olanda: la nuova tendenza è il voto “inutile”

prev
Articolo Successivo

Si accende il canale Dazn su Sky. Sull’inciucio l’ombra dell’Antitrust

next