Ci sono affidamenti diretti per circa 100 milioni di euro in totale in tre anni a un consorzio torinese, e poi altrettanti a società che del consorzio sono socie. Chi ha affidato i lavori senza indire una gara pubblica è Rfi (Rete ferroviaria italiana), impresa controllata al cento per cento da Ferrovie dello Stato, spa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Manutenzioni al risparmio, l’ordine viene sempre dall’alto. E il “capo” finisce nei guai

prev
Articolo Successivo

Facebook chiude CasaPound&C. È giusto?

next