Al telefono i vertici del Movimento 5 Stelle che chiamavano per decidere le sorti del governo. Alla porta i carabinieri che suonavano per sequestrare il telefono di suo figlio Ciro, 19 anni, accusato insieme con tre amici, di violenza sessuale di gruppo ai danni di una sua coetanea, una studentessa di origini scandinave. È stata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il carabiniere non sparò: anche lui era disarmato

prev
Articolo Successivo

Ciro, dalla grande casa rosa alle medaglie sul ring. Fino a quel post: “Ti stupro”

next