La compravendita di gasolio per 1,5 miliardi. I milioni di dollari, 65, che, scontati dal prezzo totale, dovevano finire nelle casse della Lega per finanziare le ultime elezioni europee. Il caffè dell’hotel Metropol per pianificare tutto. Gianluca Savoini, sherpa di Matteo Salvini per gli affari russi, nonché presidente dell’associazione Lombardia-Russia. E poi Gianluca Meranda conosciuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Lega apre il mercato: “Senatori M5S ci chiamano in cerca della rielezione”

prev
Articolo Successivo

La giunta del Senato pronta a convocare il pluri-indagato Siri

next