Proviamo a immaginare il festival di Woodstock cambiando i protagonisti: dal country rock di Crosby, Stills, Nash & Young e Joan Baez alla classica di Bach, Mozart, Beethoven. Siamo abituati a immaginare questi nomi tutelari associati a studio, spartiti, serietà, conoscenza profonda della musica. E se invece scoprissimo che anche i grandi della musica classica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Martin Eden”, la lotta di classe non è più quella di una volta

prev
Articolo Successivo

Papi da cinema (ma attenti a depressioni e ascensori)

next