Matteo Renzi, pur di far nascere il governo M5S-Pd, è disposto a trasformarsi da “rottamatore” in “sminatore”. Nel giorno in cui Nicola Zingaretti mette il veto sul ritorno di Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, l’ex presidente del Consiglio ancora una volta rischia di rubargli la scena. E prima che Zingaretti giri per sempre la chiave […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Zingaretti alza il tiro col M5S. Ma il Pd lo lascia subito solo

prev
Articolo Successivo

“Il leghista forse non ricorda che il Cicerone che non voleva padroni poi se ne scelse uno”

next