Il cactus è la pianta che meglio esprime l’epopea del rock’n’roll e la sua relativa seduzione: le spine rischiano di pungere chiunque tenda all’ascolto, a immergersi nella vita degli artisti. È peraltro evidente che il fuoco generato dal Santo Graal del rock sia stato veicolato soprattutto dalle grandi coppie maudit più rappresentative. È questo il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Italo e il bus chiamato desiderio: di scendere

prev
Articolo Successivo

La resistibile ascesa di Martin Eden, ucciso dal successo

next