È il giorno in cui Matteo Salvini fugge dal Senato. Quello in cui il Movimento 5 Stelle, ancora stordito per il sì al Tav, lascia vuoti gran parte dei banchi del Senato. Sarebbe una prateria politica per l’opposizione, eppure il Partito democratico riesce a incartarsi. Colpa ancora una volta delle solite beghe interne, mai risolte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sozzani salvato da Pd, Lega e Forza Italia: no all’uso di intercettazioni del deputato forzista indagato per finanziamento illecito e corruzione

prev
Articolo Successivo

La Propaganda sulla costituzione

next