Un colpo allo scudo, la Democrazia Cristiana, e uno alla croce, la sacrestia: è il Pupi Avati che (non) t’aspetti quello che il 22 agosto porterà in sala Il Signor Diavolo. La data lascerebbe supporre, eppure non è un horror balneare, bensì gotico, ovvero sacrale: l’ottantenne regista inquadra il grande rimosso contemporaneo, il male, e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quel sentire comune e il commissario salviniano

prev
Articolo Successivo

I mutui ai minimi, la casa di Barbie, lo spread e altre storie estive

next