Herbert von Karajan morì nella sua casa di Anif, presso Salisburgo, la mattina del 16 luglio 1989. Quel giorno avrebbe dovuto dirigere la prova generale di Un ballo in maschera, lo spettacolo inaugurale del Festival che egli, dopo la guerra, aveva rifondato e presieduto. Affiancandovi poi una sua creazione, il Festival di Pentecoste, dedicato a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

A Ventotene colpiscono i dipinti di Buren: “Danno il mal di testa”

prev
Articolo Successivo

“Sono sempre stato nemico della scrittura sull’attualità”

next