L’obiettivo era quello già fissato dal febbraio scorso, quando Mediobanca, advisor delle Ferrovie, aveva bussato alla porta dei Benetton nel tentativo di trovare un partner solido per il salvataggio di Alitalia. E ora, dopo mesi di rumors e smentite, il cerchio si è chiuso: sarà Atlantia il quarto protagonista dell’ennesimo soccorso alla compagnia. Lo ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’Eni ha trovato il suo capro espiatorio: via Mantovani

prev
Articolo Successivo

La mente del piano? L’uomo del flop Meridiana

next