Rete ferroviaria italiana (Rfi), la perla del gruppo Fs, la società che gestisce i 16 mila chilometri di binari, dovrà rinunciare da oggi al 2021 a circa 200 milioni di euro. Cifra che equivale a più di due terzi dei sostanziosi utili annuali (274 milioni nel 2018), ottenuti soprattutto con i pedaggi imposti alle imprese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

In Alitalia tornano i Benetton: Atlantia avvia le trattative

prev
Articolo Successivo

La lotta all’evasione è quasi ferma. Pochi controlli e solo sui piccoli

next