I corridoi verde pastello, i muri gialli, le passatoie blu. E le cimici. Nel grande, leggendario Metropol di Mosca, nel luogo esatto in cui la Rivoluzione d’Ottobre scelse di farsi ritrarre e il compagno Lenin di tenere il discorso di insediamento del Soviet, tutto era consegnato alle virtù e ai vizi della storia e delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Casellati assolve la Lega “Soldi russi? Pettegolezzi”

prev
Articolo Successivo

Autonomie, Lega e 5Stelle se le danno sull’Istruzione

next