Ho affermato più volte che uno dei culti della mia vita è Leonardo Sciascia. Su queste colonne ho raccontato che l’estate del 2017, mentre attendevo alla correzione di un impegnativo libro, l’ho dedicata a rileggere l’intera opera di questo genio. L’avevo anche conosciuto, seppur poco. Ricordo, a tavola, lunghissimi silenzî, quegli occhi pazienti che ti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’amor Cortese di Valentina, diva sfrontata dei due mondi

prev
Articolo Successivo

Addio al “selvaggio” Torn, beffato da una lama e da Jack Nicholson

next