Ci sono battaglie giornalistiche che si fanno anche quando si sa di essere minoranza. Il giornalista non è un condottiero, che si giudica dalle guerre vinte, e neppure un politico, che si misura sui voti conquistati. Così può scrivere con la coscienza di dire la verità, anche quando sa che la maggioranza attorno a lui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

M5S, idee semiserie per uscire dal guado

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next