Se a Cesare Previti fosse riuscito il colpaccio, schiere di ex parlamentari avrebbero dovuto portarlo in trono come santo patrono: del vitalizio. E invece no. Per la Cassazione è inutile che chi sia stato titolare di questa onorevole prebenda cerchi un giudice in giro per l’Italia per riottenerla: gli unici a poter decidere sono gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Fubini insulta il Fatto, ma è ancora abusivo

prev
Articolo Successivo

“Per la raccolta differenziata a Roma ho fatto più di tutti”

next