“Era un’anima in trappola. Un outsider. Vagava dentro le sue stesse canzoni, non le eseguiva mai due volte nello stesso modo. E io mi identifico in lui”. Sarah Jane Morris si è gettata anima e corpo nella missione di “offrire una seconda chance”, spiega, all’immenso John Martyn, il cantautore scozzese scomparso a soli 61 anni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Sono stato con la Turner e ho salvato Mal dai Servizi. Nella vita ci vuole culo…”

prev
Articolo Successivo

Orestiadi di Gibellina: il teatro contemporaneo viene dal passato

next