Quattro generazioni. Un bambino, che ha diritto di credere nelle favole. Un ragazzo, che confessa di “voler bruciare le tappe”, perché il sogno non svanisca a un passo da lui. Un fratello maggiore, che ha l’anima livida a forza di colpi, ma è riuscito ad andare avanti. E uno zio sapiente, nume tutelare depositario di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Addio Gregoretti, maestro del “bozzetto” televisivo

prev
Articolo Successivo

Premio Strega, il giusto riconoscimento al libro migliore

next