“Cacciate via questo tumore e sbrigatevi, che mi ha rotto i coglioni e sta rompendo gli equilibri del paese”. A fine estate 2015 Alessandro Fragalá è nervoso. L’arresto l’ha tenuto lontano dalla stanza dei bottoni per molto tempo e ora scalpita. Vuole “riprendersi Pomezia” il presunto boss mafioso dell’omonima famiglia del litorale sud di Roma, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Pensavano fosse tutto marcio: io riapro la porta del Comune”

prev
Articolo Successivo

Multe, prigione e agevolazioni. La ricetta tedesca anti-evasori

next