Rione Traiano, l’estate del 2014: un carabiniere scambia un ragazzo di sedici anni, Davide Bifolco, per un latitante (Arturo Equabile, già intervistato dal Fatto), spara, lo uccide. Il 16 ottobre del 2018 in appello la pena gli viene ridotta a due anni e quindi sospesa. Alla notizia, il fratello di Davide, Tommaso, non mangia né […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Da Cannes a mani vuote? Non sto mai con il potere”

prev
Articolo Successivo

Ciro Di Marzio è ancora vivo: uno spin off per il boss

next