Crescere e stabilizzare il rapporto debito-Pil è possibile. Il Portogallo ci è riuscito dopo che nell’aprile 2011 ha chiesto l’aiuto del Fondo salva Stati europeo, da quale ha ottenuto un finanziamento triennale fino al 2014 a condizione di approvare riforme strutturali e di ridurre il debito pubblico. In quella fase il Portogallo era a un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Furbetti del cartellino, la vana ossessione di tutti i ministri

prev
Articolo Successivo

Reddito, le nuove regole della carta: no assicurazioni, sì a prodotti hi-tech

next