Sette pagine di verbale bastano ad Attilio Fontana per spiegare ai magistrati di Milano il perché abbia pilotato la nomina del suo ex socio di studio in una commissione esterna della Regione. L’accusa di abuso di ufficio, il governatore lombardo, la spiega così: “Ho voluto non disperdere una professionalità”. La nomina viene certificata con una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il bilancio della campagna elettorale

prev
Articolo Successivo

Scuola, maxi sanatoria a due giorni dal voto

next