La dittatura delle serie tv fa cornuto pure Clooney

Sulle serie tv esistono due scuole di pensiero; chi le saluta come le magnifiche sorti e progressive dello storytelling; e chi le considera il postmoderno terminale, al servizio dell’home video: astute rivisitazioni del passato, perturbanti visioni distopiche, ma quasi sempre evitando di guardare negli occhi il presente. Se una cosa non esclude l’altra, un fatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.