Sulle serie tv esistono due scuole di pensiero; chi le saluta come le magnifiche sorti e progressive dello storytelling; e chi le considera il postmoderno terminale, al servizio dell’home video: astute rivisitazioni del passato, perturbanti visioni distopiche, ma quasi sempre evitando di guardare negli occhi il presente. Se una cosa non esclude l’altra, un fatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lunga vita (artistica) al maestro De Chirico

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria 2405

next