La Cassazione l’aveva salvato. I reati di disastro ambientale e omissione dolosa di cautele erano prescritti e la condanna a 18 anni annullata. Così era finito il primo processo “Eternit” contro Stephan Schmidheiny, 71 anni, imprenditore svizzero che è stato il proprietario della multinazionale dell’amianto che ha provocato – e provoca – molti morti in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La banda dei permessi di soggiorno: tremila euro l’uno (con residenza al cimitero)

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, la svolta della Cei: “Obbligo di segnalazione dei casi sospetti anche alle autorità civili”

next