A spaventare è la facilità con cui a Napoli gli immigrati riuscivano a truccare la documentazione per ottenere il permesso di soggiorno. Emerge da due passaggi dell’ordinanza eseguita ieri. La prima riguarda un algerino. Insieme a un impiegato comunale, sarebbe riuscito a far risultare 330 richiedenti permesso di soggiorno, residenti presso un indirizzo fittizio, in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il candidato sindaco con l’arma in casa. Un altro uomo di De Luca finito nei guai

prev
Articolo Successivo

Eternit, nuova condanna per Schmidheiny: omicidio colposo di due lavoratori

next