Giulia, la chiameremo così, è terrorizzata. “Se torno a Roma ho paura che mio marito mi uccida”. Il giudice della separazione, prima sezione civile del Tribunale di Roma, le ha ordinato di rientrare nella capitale, dove vive il marito, entro il 30 aprile. L’ha fatto per consentire al padre di vedere il figlio di cinque […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Massacrato dal vigilantes il clochard che dormiva”

prev
Articolo Successivo

D’Antona ucciso 20 anni fa “Cerchiamo ancora due br”

next