Sembrava troppo bello per essere vero. La Commissione europea sta portando avanti un dialogo costruttivo con le piattaforme Internet – Google, Facebook, Twitter – che in modo volontario si sono impegnate, nel dicembre scorso, a divulgare i dati di chi diffonde pubblicità politiche e a fare pulizia di siti falsi o che inneggiano all’odio. Le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Se vado, mi astengo. Chi sta sempre lì, lo fa solo per la diaria”

prev
Articolo Successivo

“Sono loro che decidono cosa oscurare e cosa no”

next