Gli Internazionali d’Italia cadono in un momento particolarmente significativo della storia del tennis. Da un lato c’è lo scontro generazionale tra i campioni di ieri/oggi e quelli di oggi/domani; dall’altro la sensazione che, forse e finalmente, l’Italtennis maschile possa tornare ai livelli dei tempi non vicinissimi di Adriano Panatta, Corrado Barazzutti e Paolo Bertolucci. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La “catastrofe” che tiene in vita Hamas

prev
Articolo Successivo

Gioielli e una cappella funeraria: sequestro da un milione e mezzo al clan Casamonica

next