L’apostolo dell’antimafia Antonello Montante è stato condannato in abbreviato a 14 anni di carcere. Dopo due ore di camera di consiglio, il giudice Graziella Luparello ha convalidato la richiesta della Procura di Caltanissetta, che aveva chiesto dieci anni e dieci mesi, giudicando l’ex presidente di Confindustria Sicilia colpevole di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quando Caianiello dettava gli assessori a Fontana

prev
Articolo Successivo

La sfiga dell’adunata garantista

next