Racconti distopici di un’Italia del 2039 in cui si studia una nuova materia, chiamata “Versione dei Fatti”, che ha rimpiazzato la storia. Lettere, manifesti, firme, appelli persino al capo dello Stato, Sergio Mattarella: da qualche giorno è ricominciata la martellante campagna di Repubblica a favore della storia. “Un bene comune che è in pericolo, sminuito, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Unità sindacale, stavolta si fa sul serio: ecco perché

prev
Articolo Successivo

“Dalla galera coi Colonnelli alla candidatura in Grecia”

next