Un rito che si ripete ogni anno, ogni Primo Maggio. A Torino, l’ex città operaia, il corteo della festa dei lavoratori prevede da anni gli scontri tra la polizia e una parte dei manifestanti, quelli del cosiddetto spezzone “sociale”, animato dai militanti dei centri sociali (“Askatasuna” in testa). Quest’anno c’erano anche i No Tav e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Scontri del 1°Maggio. Il Pd vuole la polizia per dividere i NoTav”

prev
Articolo Successivo

I due fronti del Partito Preso tra osanna e disastri continui

next