» Economia
domenica 28/04/2019

Dati delle app su ciclo mestruale e gravidanza venduti alle aziende per controllare le dipendenti

Il Washington Post svela che le informazioni di una app che monitora la fertilità sono state cedute alle aziende per discriminare le dipendenti
Dati delle app su ciclo mestruale e gravidanza venduti alle aziende per controllare le dipendenti

Come milioni di donne, anche la 39enne di Los Angeles Diana ha utilizzato quotidianamente un’app per il ciclo mestruale, registrando dati relativi a fertilità, rapporti intimi, farmaci assunti e umore. Poi, quando ha partorito, ha deciso di tracciare anche le informazioni del suo bimbo, compreso nome, luogo di nascita e stato di salute. Ma a monitorare quei dati così sensibili non era sola. Anche qualcun altro li controllava regolarmente: il suo datore di lavoro, che ha pagato i gestori dell’app per conoscere le sue abitudini e discriminarla.

A scoprire la nuova frontiera della cessione dei dati personali è stato il Washington Post che con un’inchiesta di Drew Harwell ha lanciato un nuovo e più sconvolgente allarme sulla privacy dei lavoratori. Il quotidiano americano ha messo sotto accusa l’app Ovia che negli Stati Uniti, con oltre 10 milioni di utenti, è diventata un potente strumento di monitoraggio per i datori di lavoro e gli assicuratori sanitari, che sotto la bandiera del benessere aziendale hanno spinto in modo aggressivo a raccogliere più dati sulla vita delle lavoratrici. Del resto usare un’app Female technology, vale a dire quei prodotti e servizi che ruotano attorno al mondo della salute della donna, significa monitorare quante si volte esce, si beve alcol, si fuma, si prendono medicine, si fa sesso, si ha il ciclo o si è in ovulazione e com’è la qualità del sonno.

In poche parole, dati che – quando vengono trasferiti a pagamento alle aziende – possono essere utilizzati per scoprire se quella dipendente è in grado di reggere a un maggiore stress lavorativo, se sta pensando di rimanere incinta (e allontanarsi mesi dal posto di lavoro), come la neo mamma pianifica di tornare al lavoro o se i figli sono cagionevoli di salute (con la conseguenza che la donna possa prendersi un maggior numero di ferie o di malattia).

Ma il meccanismo scoperto dal Washington Post è ancora più subdolo: Diana, così come altre milioni di donne, aveva deciso di tenere traccia della propria gravidanza, perché l’azienda presso cui lavorava le regalava 1 dollaro al giorno in carte regalo per spingerla a usare l’app, adducendo come giustificazione la possibile riduzione della spesa sanitaria, la scoperta di eventuali problemi medici e una migliore pianificazione dei carichi di lavoro. “Il fatto che le gravidanze delle donne siano seguite da vicino dai datori di lavoro è molto preoccupante”, ha spiegato Deborah C. Peel, una psichiatra e fondatrice del non-profit per i diritti del paziente interpellata dal quotidiano. “È la più grande discriminazione nei confronti delle madri e delle famiglie sul posto di lavoro – ha aggiunto – che le spingerà a non fidarsi più del loro datore di lavoro che, ovviamente, ha a cuore solo i propri profitti economici”.

La Ovia ha spiegato di rispettare le leggi sulla privacy e che fornisce alle aziende solo i dati aggregati in modo che i datori di lavoro possano valutare come è cambiata nel tempo la condizione di salute dei loro dipendenti. Ma la Ovia continua a ingrossare i propri bilanci sia con i soldi che chiede alle aziende che vogliono monitorare le dipendenti che con i ricavi della pubblicità, compresi quelli che arrivano da assicurazioni sulla vita, servizi bancari e prodotti per l’igiene personale. Intanto l’aumento delle app per il benessere fisico e per il ciclo mestruale, sottolinea il quotidiano americano, dimostrano come le aziende considerino sempre più il corpo umano una miniera d’oro tecnologica, ricca di una vasta gamma di dati sulla salute che i loro algoritmi possono tracciare e analizzare. I corpi delle donne sono sempre particolarmente lucrativi anche quando si tratta di tecnologia: per la società di consulenza Frost & Sullivan il mercato Femtech potrebbe valere fino a 50 miliardi di dollari entro il 2025.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
Al vaglio dei ministri

Inps, Tridico aumenta i dirigenti tagliati dal predecessore Boeri

Ai vertici Inps c’è desiderio di cambiamento: il nuovo presidente dell’ente, Pasquale Tridico, lo dimostra aumentando le posizioni dirigenziali della prima fascia da 40 a 43 e quelle della seconda da 440 a 445. Questo ridurrà gli spazi di manovra al suo successore per quanto riguarda l’assetto delle posizioni di vertice. Una decisione in contrasto con quella presa dall’ex presidente Tito Boeri, poco prima che questo abbandonasse la carica. Tridico sottolinea come negli ultimi 5 anni il personale dell’ente è diminuito di circa 5 mila unità, a fronte di un continuo aumento delle attività a cui badare, come la gestione di Ape, Naspi, Rei, Bonus bebè, il Reddito di cittadinanza e Quota 100.

La spesa effettiva, corrispondente a 620,1 milioni, è nettamente inferiore a quella massima potenziale, di 697,6 milioni: questo si tradurrà in un piano di assunzioni che per il 2019 prevede l’immissione di 4.728 unità di cui 35 medici di secondo livello, 4.598 impiegati di aera C, 88 di area B e 16 di area A. In questo modo, la spesa per il personale salirà a 682,5 milioni, rimanendo nei limiti del massimo potenziale sostenibile.

Commenti

Le ultime amenità sulle Ferrovie che salvano l’Alitalia

Economia

Dal Gps al bagde: il pedinamento dei lavoratori

Economia
Sanitàko - Pronto soccorso psichiatrico

Il Veneto di Basaglia “emargina” i malati

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×