Ci spiega Matteo Salvini che “Siri è innocente fino a prova contraria”. Banalità che ci sentiamo senz’altro di sottoscrivere, purché il ministro dell’Interno ricordi oggi certi suoi timori di un tempo che altrettanto ci sentiamo di sottoscrivere: la responsabilità politica è infatti più vasta e delicata di quella penale. Riassunto: il leghista Armando Siri, sottosegretario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Caso Siri: le tappe

prev
Articolo Successivo

Corleone s’inchina a Salvini: “Vogliamo pane e sicurezza”

next