Sono troppi e disordinati e a metterli in fila ci ha dovuto pensare lui stesso: “Uno dietro l’altro come alla Posta, pronti col telefono in mano”. Sorriso stirato dal sole, cinque secondi a testa per lo scatto e poi via a festeggiare il prezioso selfie. Giovani con la tuta del Milan, anziani con l’abito della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quando il leghista chiedeva dimissioni: Guidi, Boschi, Alfano, Cancellieri & C.

prev
Articolo Successivo

La grillina che ha fermato l’affare di Arata

next