18 aprile. È il giorno in cui scoppia il caso Armando Siri: vengono rese pubbliche le pesanti accuse della Procura di Roma. L’ideologo della flat tax, senatore leghista e sottosegretario alle Infrastrutture “era costantemente impegnato – con la sua azione di alto rappresentante – nel promuovere provvedimenti regolamentari o legislativi che contengano norme ad […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Salvini non gongoli sull’intercettazione “fantasma” di Arata

prev
Articolo Successivo

Quando il leghista chiedeva dimissioni: Guidi, Boschi, Alfano, Cancellieri & C.

next