Un’altra spremuta di ultraviolenza? Per ora c’è solo la notizia del rinvenimento di un seguito di Arancia meccanica (A Clockwork Orange) nell’archivio dello scrittore inglese Anthony Burgess. Ad annunciarlo la Fondazione che prende il suo nome, il manoscritto venne scoperto tra le carte della casa di Burgess sul lago di Bracciano, quindi alla morte del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Altro che jihadisti, il rischio dei viaggi a Tunisi è l’aereo

prev
Articolo Successivo

Romeo e Giulietta non abitano a Gerusalemme

next