Anche la droga ha una storia, e a scriverla in Colombia sono gli indigeni wayuu, che negli anni 70 alla domanda degli hippie americani risposero, sventurati loro. Bonanza marinbera il periodo, il deserto de La Guajira il luogo, cannabis la sostanza. Il talentuoso colombiano classe 1981 Ciro Guerra, a quattr’occhi con l’esordiente Cristina Gallego, rolla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fermi tutti: ora la Tate impone la visione lenta

prev
Articolo Successivo

Martone sbrina il “Tango glaciale”

next