Cosa è rimasto di Tango glaciale a 36 anni di distanza, ora 37? Tutto, ma in proporzioni ribaltate: poco tango, molto glaciale, come prevedibile in un’operazione di sbrinamento teatrale. Firmato da Mario Martone, e riallestito grazie al progetto “RIC.CI – Reconstruction Italian Contemporary Choreography”, lo spettacolo chiude la tournée a maggio: più danza che prosa, più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Oro verde: anche gli indios muoiono per avidità

prev
Articolo Successivo

L’illusionista Gaetano Triggiano e il suo one-man show “muscolare”

next