“Sono portato per la finzione letteraria: è la mia terapia”

“Ho rifiutato il Goncourt perché ero stato preso dal panico e temevo per mia madre”

Io non mi sono fatto da solo. C’è l’eredità di papà e mamma, l’alcolismo, la sclerosi cerebrale e, un po’ più su, la tubercolosi e il diabete. Ma bisogna risalire ancora più in alto, perché è alla fonte originaria che si trova il vero senza-nome. Fin dall’uscita della mia prima opera d’affabulazione si vociferava che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.