“Cherchez la femme” si diceva una volta, a proposito dei conflitti a sfondo giallo-rosa. Traslato nei consessi sovranisti-populisti, in cerca d’autore, si potrebbe dire “Cherchez la camera”, nel senso di telecamera. Perché lì, c’è Steve Bannon. Qualsiasi cosa stia tramando, l’ex guru di Donald Trump, ormai è un fenomeno glam. Lunedì pomeriggio, dibattito con Carlo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

È Cina-mania: pure il Vaticano ha benedetto il comunista Xi

prev
Articolo Successivo

Ponte sullo Stretto, Impregilo insiste sulle penali: appello per ottenere 700 milioni di risarcimento

next