Zingaretti merita un’apertura di credito. Egli ha fatto del binomio unità-cambiamento la sua bussola. Non una sintesi facile e scontata. Spero in un dosaggio che privilegi il cambiamento. Senza discontinuità sarebbe sconfessata la ragione stessa della sua vittoria alle primarie Pd. Ecco perché mi ha sorpreso il suo cenno, nel segno del rimpianto, alla bocciatura […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

In Francia la vera rabbia è senza Gilet

prev
Articolo Successivo

Quando l’Authority rischia di perdere tutta la sua autorità

next