Si legge sempre poco; il mercato ha nuovamente subito uno stop – i valori erano tornati a quelli del 2011, prima della crisi, ma nel 2018 hanno fatto registrare il segno meno –, gli e-book non hanno sfondato e il numero delle case editrici continua a crescere (e pure quello dei libri stampati, persino troppi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Michael Jackson non era nessuno

prev
Articolo Successivo

Arte da scompisciarsi: la pipì in posa con Tiziano e Warhol

next